post

Bicchi trionfa in Salento

SIMONE BICCHI COME UN VETERANO, IL PUGILE SENESE TRIONFA IN SALENTO

Nel silenzio attonito di un palazzetto gremito, tra le corde di un ring allestito 850 km lontano da casa, i colpi di Simone Bicchi risuonavano fieri e imponenti come il batacchio di Sunto. Regolari, precisi, continui. Sei riprese di demolizione progressiva di un avversario impotente, che non poteva far altro che prestare i fianchi al crivellante lavorio di ganci e montanti del pugile senese.
Sicurezza, classe ed eleganza. E’ cosi che Simone, 29 anni, astro nascente del pugilato professionistico senese nella categoria dei pesi medi, è andato a prendersi la sua seconda vittoria al suo secondo incontro come professionista. Il compito non era dei più facili. Dopo l’ingresso di Simone nell’entourage organizzativo della promoter internazionale Rosanna Conti Cavini e il trionfale esordio del Giugno scorso in un Palaestra gremito, c’era da confermare le attese andando a combattere nel profondo Salento, contro un avversario arcigno ed esperto come Ignazio Di Bella. C’erano i riflettori di Sportitalia, perché al Palaozan di Ugento si assegnava niente di meno che il Titolo Internazionale del Mediterraneo WBC.

Simone Bicchi VS Ignazio Di Bella

Contro tutte queste difficoltà ambientali, accompagnato dal sempre presente Maestro David Borgogni della Boxe Siena Mens Sana, colui che lo allevato pugilisticamente e lo ha seguito dal suo primo allenamento in palestra, Simone ha tirato fuori una prestazione straordinariamente convincente, sia dal punto di vista tecnico che mentale. Si è presentato all’appuntamento in perfetta forma fisica. Tonico, asciutto ed esplosivo. E’ riuscito a mantenere un ottimo ritmo di combinazioni in tutte e sei le riprese senza mai andare in debito di ossigeno. Durante tutto l’incontro ha mantenuto a distanza un avversario che avanzava di continuo, impedendogli di accorciare grazie a delle efficaci serie di jab veloci e ficcanti. Le combinazioni al corpo sono state una delizia per gli occhi e per le orecchie. I montanti di Simone hanno fatto vibrare i fianchi del povero Di Bella come le pelli di un tamburo. Dal punto di vista difensivo il pugile senese ha messo in mostra un miglioramento nei fondamentali davvero notevole, alternando schivate in abbassamento a perfetti movimenti in uscita. Ogni volta che l’avversario gli è andato incontro per aggredirlo, Simone lo ha scansato quasi stesse danzando sul ring, con la scioltezza di un veterano, dando persino mostra di un apprezzabile gioco di gambe.
C’è molta Siena nel mondo di Simone, e c’è molta Siena nel modo di combattere di Simone. Nel modo in cui evitava gli attacchi prima di rispondere, con l’eleganza di un torero, c’erano gli anni trascorsi ad imparare l’arte dell’alfiere nei giardini della sua contrada, il Valdimontone. Nel Palio come nel pugilato, gli anni della gioventù di Simone sono stati anni dedicati all’esecuzione di gesti tecnici difficilissimi, da eseguire in condizione di forte pressione psicologica, con l’ostinazione di chi vuole tendere alla perfezione del movimento, di chi vuole superare sé stesso e l’avversario che gli tocca in sorte.
C’è molta Siena nel suo modo di combattere perché Simone Bicchi è nato a Siena e cresciuto pugilisticamente a Siena, allevato dalla Scuola Pugilistica Senese della Boxe Siena Mens Sana. E’ sotto l’egida del Maestro David Borgogni che ha imparato le tecniche della disciplina, è con lui che ha condotto una carriera di 10 anni come agonista dilettante, ed è sempre a suo fianco che dato inizio alla sua promettente avventura nel professionismo.
Se la brillante vittoria riportata da Simone in Salento sarà propizia come sembra promettere, prepariamoci allora a seguire lo spirito guerriero di un pezzettino di Siena nei ring di tutta Italia.

Andrea Spinelli

post

Leggeri Wbc: Titolo del Mediterraneo

Titolo Mediterraneo leggeri: presente anche il senese SIMONE BICCHI

Titolo Mediterraneo Leggeri WBC

GROSSETO – Fervono i preparativi per un’altra grande manifestazione di pugilato internazionale targata Conti Cavini. Venerdì 15 novembre 2019 al Palaozan di Ugento, ridente cittadina in provincia di Lecce, avrà luogo la lotta al titolo mediterraneo leggeri Wbc che vedrà fronteggiarsi l’idolo di casa Giuseppe Carafa del team Rosanna Conti Cavini e il napoletano Nicola Cipolletta dell’omonimo team.

Il grande evento, sulla distanza delle dieci riprese, organizzato proprio dalla famosa promoter grossetana, accompagnata ad Ugento anche dal presidente della Pugilistica Grossetana “Umberto Cavini” e da Franco Ciardi, che sarà il ring announcer della manifestazione, si svolgerà con la collaborazione con la Beboxe di Copertino e con il supporto dell’amministrazione comunale di Ugento con il sindaco Massimo Lecci e l’assessore allo sport Graziano Greco, che hanno voluto fortemente questo importante avvenimento nella loro cittadina, che sarà ripresa e irradiata in diretta dalle telecamere di Sportitalia con la telecronaca di Stefano Buttafuoco. All’angolo di Carafa ci sarà il maestro Francesco Stifani e il padre Salvatore Carafa, mentre all’angolo di Cipolletta il maestro Antonio Chiacchio e Lucio e Mimmo Cipolletta.

La_Nazione_Siena_2019-11-09

Oltre al match clou della serata, saranno in programma altri tre incontri professionistici, con i pugili del team Rosanna Conti Cavini. Il senese Simone Bicchi, al suo secondo match da professionista, che avrà a suo angolo il maestro Davide Borgogni, affronterà sulla distanza delle sei riprese Ignazio Di Bella (team Giordano Baladi-Malta) ci sarà l’esordio anche di Riccardo Valentino (team Rosanna Conti Cavini) opposto a Julian Metushi, e salirà sul ring anche il pugile locale Antonio Santoro.

L’arbitro del titolo Mediterraneo Wbc sarà uno dei migliori arbitri europei, il romano Massimo Barrovecchio, con i giudici Guido Cavalleri, Sergio Silvi e Roberto Di Mario, mentre il supervisore sarà Sebastiano Sapuppo.

post

Sara Bramerini vs Porto Alessia

Domenica 27 Ottobre 2019: sono 16 i dilettanti (8 della Pugilistica Pratese, società organizzatrice dell’evento) saliti sul ring di via Roma per intrattenere l’affezionato pubblico presente.  La nostra SARA BRAMERINI sale per seconda sul quadrato di Prato, ed affronta l’avversaria Alessia Porto, 16 anni con un bel roster di 18 match disputati,  contro i 10 incontri della nostra Sara.

Nell’ultimo faccia a faccia le due atlete avevano terminato l’incontro in PARITA’, così la nostra Sara Bramerini non perde tempo e inizia subito alla grande il match prendendo le redini dell’incontro e gestendo alla grande tutte e tre le riprese. L’avversaria Alessia Porto non demorde (per nulla decisa a perdere) e tira fuori le unghie ma esce al massimo soltanto alla terza ripresa. Testimonianza del forte impegno agonistico delle due atlete, che non si sono di fatto mai risparmiate, è il richiamo ufficiale subito da Alessia Porto per comportamento non corretto. Unico neo dell’atleta mensanina è la lieve e normale flessione del ritmo durante la terza ripresa che comunque è stata gestita con tranquillità dalla nostra Sara.

Alla fine grandi e meritati applausi per tutte e due le atlete che hanno appassionato ed infiammato il pubblico presente disputando davvero un bellissimo incontro!

RIUNIONE BOXE PRATO 27/10/19

post

Open Day 2019

La Polisportiva Mens Sana 1871 apre le porte a Siena con l’Open Day 2019, una grande festa dello sport quella svoltasi domenica 15 settembre in tutti gli impianti sportivi della società in viale Sclavo, con la possibilità di provare oltre venti discipline della Polisportiva insieme ad atleti e tecnici: un appuntamento imperdibile per entrare nel mondo dello sport biancoverde.

Dalle ore 16 alle ore 20 di domenica 15 settembre, infatti, la Polisportiva Mens Sana 1871 ha messo a disposizione impianti, staff e atleti con la possibilità di provare tutti gli sport delle oltre venti sezioni che compongono la centenaria società: dalla ginnastica artistica al pattinaggio, dalla boxe al karate, quindi l’area fitness, volley, basket e mini basket, runners, taekwondo, brazilian jiu Jitsu, scacchi, tiro con l’arco, nordic walking e tutto il resto dei corsi che compongono la stagione sportiva 2019/2020. Le strutture biancoverdi sono rimaste per l’intera giornata a completa disposizione di tutti: adulti, famiglie, bambini e bambine che desiderassero provare i vari sport, in vista dell’inizio dell’annata.

“Una grande festa dello sport – spiega il presidente della Polisportiva Mens Sana 1871 Antonio Saccone – in cui la nostra società si apre ancora di più alla città. La Polisportiva è una realtà centenaria ed è un punto di riferimento per migliaia di senesi, che ogni giorno affollano i nostri impianti e che sono parte integrante della nostra attività. Penso ad esempio a tutti i genitori che partecipano attivamente all’attività delle varie sezioni e il cui contributo diventa spesso fondamentale. Ci apriamo per ribadire quel senso di comunità che da sempre caratterizza la nostra attività”.

“E’ stata anche un’ottima occasione – commenta il direttore sportivo Gianluca Marzucchi – per prendere informazioni sui corsi delle varie sezioni, conoscere gli istruttori e i tecnici, capire quali discipline si adattano di più alle singole esigenze. Una festa, insomma, per tutti con la possibilità di entrare in contatto con il grande mondo della Polisportiva Mens Sana”.

OPEN DAY 2019